lunedì 19 settembre 2011

Informatico Migratore ha compiuto un anno.

Quando ho iniziato a scrivere questo blog non sapevo immaginare come si sarebbe concluso.

Ho cercato di essere costante con gli articoli, di scrivere tutto quello che avevo in mente e di cercare costantemente di non abbandonarlo mai.

Pian piano ha iniziato a crescere, ho cominciato a sentirmi fiero di quello che facevo.

Vedevo i risultati, gente che mi scriveva, che mi domandava, che si complimentava con me... e poi e’ arrivato!

E’ arrivato poi il momento che pensavo sarebbe arrivato dopo tanto, ma a promessa fatta, non posso più rimandare.

Chiudo questo capitolo della mia vita con un punto in sospensione. Come voi, anche io non so cosa mi capiterà in futuro, certo adesso non lo so come non mai!

Mi manca casa, mi mancano le litigate di mia madre, le sciocchezze di mio padre, il mio giardino, l’amico della porta di fronte, e quello che non ci parlo più da anni ormai.

Mi manca la mia vecchia vita che ogni tanto fa male anche solo dirlo.  

Mi manchi tu amore mio che ora come ora sono confuso come non mai e se solo ne valesse la pena mi metterei in ginocchio per riaverti qui.

Ma questa e’ la mia strada! La strada che porta dei sacrifici. Complicazioni. Ti porta a litigare con te stesso e con gli altri. La strada che una volta percorsa, mille volte ti sentirai di voler tornare indietro.

Sono solo ormai, ma mi amo più di prima, e per questo so che sto facendo bene!

Anche se sento ancora che fa male, che mette nel cuore la disperazione, che per ogni volta che passo con il treno per la città mi sembra di scorgere i vecchi palazzi di casa mia.

Ma questa e’ la fine di un capitolo, di quel capitolo che mi ha fatto dire tanto, e che mi ha fatto ascoltare tanto anche voi.

Mi rendo conto solo ora che questo blog non forniva niente di nuovo. Spronava la gente a lasciare l’Italia perché ormai siamo tutti stufi di lottare per essa.

Penso a quanto vecchi si fanno i miei genitori, e quanto lontani sono ora da me! E quando avranno bisogno di me cosa faro? Tornerò, e poi dopo? Riandrò via? Non trovo risposte, non le trovo nella gente a cui le chiedo, che ora come ora mi rispondono solo che ho fatto bene ad andarmene!

"Ho fatto bene"! E’ quello che mi dicono tutti ormai! E quando ho un dubbio mi sento solo dire di non mollare, di stare qui. "Resta dove sei"! Ma se i miei stanno male? E se la mia ragazza se ne va?

No, il mio blog non mi aiuta! Il mio blog non aiuta nessuno! Neanche voi che siete stati qui a leggerlo!

Voi non mi aiutate come non aiutate voi stessi! Mettete troppa rabbia, pensate a lo schifo, e intanto vedo tante vite affrante.

Doveva essere l'avventura della mia vita, ma ora vedo gli adii, quelli sono i peggiori! Vedo i miei piangere ogni volta. E ora vedo la mia ragazza farlo ogni volta che ci dobbiamo separare.

No scusate. Non e’ colpa vostra, e’ colpa mia. Sono io quello che sta male! Sto male nel piangere ogni volta che qualcuno lo fa per me!

Ma questa e’ la mia strada, e ora non me ne vogliate, se dico addio.

Ciao a tutti.

Posta un commento